#Recap: Serie A-B | Semifinali Playoff

Semifinali Champions League is for boys, semifinali adidas Mi Games Football League 2021/22 is for men. Mentre il mondo è concentrato sullo spettacolo offerto da Manchester City, Real Madrid e compagnia, i nostri eroi scendono in campo per il penultimo atto dei playoff di Serie A e Serie B.

SERIE A

Ristorante Donati – AC Teetan 5-2

C’era grande attesa per la prima semifinale di Serie A tra Ristorante Donati e AC Teetan dopo il pareggio in Regular Season dello scorso febbraio.
I titani di Picchi (oggi in veste di allenatore) si sono presentati al gran completo per tornare in finale dopo 3 anni, mentre i Donati hanno mantenuto l’ossatura delle ultime partite, con il rientro di un pezzo da novanta come Marco Parolo.

Si pensava ad una partita combattuta fino all’ultimo minuto, ma di fatto è terminata al 7′ del secondo tempo, quando Tiribocchi ha firmato il poker personale insaccando il pallone del 5-0. Già perché Ristorante Donati era partito a razzo, segnando 4 gol nelle prime 4 occasioni create. Merito della qualità di Parolo, Tiribocchi e Budel, ma anche della troppa libertà concessa dai Titani, tramortiti dall’avvio degli avversari.

La reazione invocata a gran voce da capitan Picchi è arrivata, un po’ tardiva, ma i vari tentativi di Zoia, Cerrato e Papillo hanno trovato un Trezza quasi insuperabile. Limitone e Khamsi hanno realizzato i gol della bandiera quando ormai la finale era saldamente nelle mani (e nei piedi) dei Donati.

I Teetan si dovranno accontentare della finalina per il terzo posto, mentre Cappellini e compagni bissano l’approdo in finale dello scorso anno, dove vennero sconfitti da FC Civico Uno.

LEA Club – PwC Italy

Semifinale senza storia tra LEA Club e PwC Italy, che arrivano all’appuntamento in condizioni diametralmente opposte: giallorossi tirati a lucido, con gli innesti del portiere Migliorin e del fantasista Casiraghi, mentre i rossoneri devono rinunciare alle colonne portanti della stagione Buonaiuto-De Maria-Rossini-Caserta.

Inizio shock (per usare un eufemismo) per i PwC, che in 60’’ incassano la doppietta di Casiraghi. Con il passare dei minuti, Creanza e compagni prendono le misure, ma prima Di Davide e poi Savino sanciscono il 4-0 con cui si chiude la prima frazione di gioco. Nella ripresa, la qualità dei LEA e il venir meno delle energie dei PwC scavano un solco troppo profondo nel punteggio: ancora la premiata ditta Savino-Di Davide-Casiraghi firma altri 3 gol, prima che i rossoneri trovino il gol della bandiera con Masullo, con una “puntata” degna dei migliori giocatori di calcio a 5. Per la verità, Migliorin è costretto a sfoderare alcune parate importanti quando i vari Creanza e Barrella riescono ad arrivare alla conclusione, e quando non ci arriva lui, ci pensano i compagni a salvare le conclusioni sulla linea di porta. L’autogol di Calafiore spegne definitivamente i PwC, che incassano nel finale anche la rete di De Lucia.

Longano e compagni sono attesi dai Teetan nella finale per il 3° posto, mentre LEA – forte di un percorso fatto di sole vittoria dall’inizio del campionato – si troverà di fronte in finale Ristorante Donati.

SERIE B

AC Lonza – C’era Una Vodka 4-3

Mentre all’Etihad Studium andava in scena la partita dell’anno tra Manchester City e Real Madrid, al Masseroni 2 si sfidavano in un’altra semifinale AC Lonza e C’era Una Vodka, che si erano già incrociati in Regular Season nella vittoria per 5-4 ad opera dei russi.

Partono meglio i biancorossi, abili a far circolare la palla ma meno a concludere verso la porta di Bramati; sono però i reds a passare in vantaggio, con il sinistro dal limite dell’area di Franco. I Vodka riprendono a macinare gioco e trovano il sorpasso al tramonto del primo tempo con i bellissimi gol di Rodriguez e Camagni.

Nella ripresa il copione non cambia, ma la Lonza aumenta i giri alla ricerca del gol del pareggio. Lo trova all’11’ con un colpo di testa “alla Messi” di Barazzetta, lasciato libero di colpire sul secondo palo. 5′ minuti dopo Iacopino sfrutta una sponda di Colacone per portare avanti i suoi; poi lo stesso n.16 si mette in proprio e, approfitta di una palla vagante in area, mette a sedere il portiere e realizza il 4-2 al 20′.

Pirotta e compagni si gettano ancora più in avanti alla ricerca di due gol per andare ai rigori, ma nonostante il prodigarsi degli attaccanti, solo al 22′ Mazzola firma il 4-3 su assist di Pellegrini. Nei 2′ di recupero, il forcing biancorosso non crea pericoli al portiere Bramati e così AC Lonza può festeggiare l’approdo in finale. Per i Vodka rimane il rammarico di essere arrivati all’appuntamento più importante della stagione un po’ troppo spuntati (assenti Vitali e Palvarini), e di aver perso proprio in questa occasione la seconda partita nella serie cadetta. Per la Lonza, la promessa fatta da Riva all’inizio della seconda fase si sta per avverare: per farlo occorrerà vincere la prossima sfida. 

Sporting Ibiza – AS Crispies 8-4

Sporting Ibiza sfida la sorpresa AS Crispies nella seconda semifinale dei playoff di Serie B per determinare l’avversario di AC Lonza.

Nonostante la partenza ad handicap, dato l’autogol di La Foresta al 1′, i giovani biancorossi mettono in campo un grande dinamismo, che mette in difficoltà la retroguardia avversaria soprattutto nei calci d’angolo. Ed è proprio sullo sviluppo di uno di questi che capitan Federico Uboldi trova il gol dell’1-1. I tori caricano in avanti e vanno di nuovo in vantaggio con Panico, ma poco dopo Serafini firma il 2-2 con una conclusione dal limite dell’area.

Il muro biancorosso sembra reggere , ma nel finale del primo tempo i gialloneri mettono a segno un micidiale uno-due: con Mistretta e Matti, glaciale nel battere l’ottimo Della Penna con il cucchiaio su calcio di rigore. Nella ripresa  lo Sporting accelera e con due gol nei primi 10 minuti (ancora di Panico e di Baro) sembra chiudere la partita, ma in 3′ Fumagalli e Fabiani rimettono tutto in discussione. Le parate di Della Penna tengono vivi i Crispies, che però capitolano sotto i colpi della coppia M&M – Mistretta e Matti – che siglano l’8-4 finale.

Si ferma in semifinale la favola dei biancorossi, cresciuti esponenzialmente durante il corso dell’anno, che si troveranno di fronte C’Era Una Vodka nella finale per il 3° posto. Sporting Ibiza invece lancia la sfida ad AC Lonza e al suo bomber Colacone per l’ultimissimo atto di questa bellissima Serie B.