Tag: Champions League

Champions League: sono gli AM LEA i campioni! I Teetan si arrendono solo ai rigori

AL termine di una vera e propria maratona, gli AM LEA battono ai rigori i nemici-amici degli AC Teetan: decisivo l’errore dal dischetto di Salerno.

AM LEA – AC Teetan 10-9 d.c.r (5-5)

Gli AM LEA vincono la Champions League 2018-19, massima competizione della Mi Games League Football 7vs7. Tutto quello che si poteva volere da una partita c’è stato: gol, occasioni, giocate spettacolari, errori: il campo del Masseroni 2 è stato un frullatore di emozioni per il gran numero di spettatori presenti, che sotto un sole estivo hanno potuto ammirare una grandissima prova da parte di entrambe le squadre.

Alla fine ci sono voluti i calci di rigore per decretare la migliore tra AM LEA e AC Teetan: decisivo è stato l’errore dal dischetto da parte di Salerno, ipnotizzato da Migliorin nel primo tiro della serie.

La partita è stata bellissima: da una parte, i blu guidati da mister Nardo, favoriti sulla carta, hanno trovato un Modoni in giornata di grazia che, nonostante un rigore sbagliato, ha segnato 4 gol, di cui uno di straordinaria bellezza e difficoltà per il momentaneo 5-4; dall’altra, i grigi di Mantovani hanno giocato dando il 110%, con ben 5 giocatori a segno, tra cui il capitano Picchi che allo scadere del 2° minuto di recupero del tempo regolamentare ha trovato la giocata del 5-5.

Ad aprire le danze ci hanno pensato però Savino, che dopo 5’ è sgusciato via sulla fascia sinistra e di destro ha battuto Piagni. Vantaggio effimero quello degli AM, perchè pochi minuti dopo Bisiacchi ha impegnato Migliorin, sulla cui respinta Oppido ha ribadito la palla in rete, firmando l’1-1. I grigi, galvanizzati dal pareggio, hanno trovato anche il gol del sorpasso, con la punizione di Cerrato che non ha dato scampo al portiere avversario. Dopodichè, è salito in cattedra l’altro n. 1, Piagni, che ha sventato per ben tre volte il possibile 2-2, arrendendosi solo al diagonale malefico di Modoni, che ottimamente imbeccato dallo stesso Migliorin, ha eluso la (fin lì ferrea) marcatura di Bisiacchi e siglato il pareggio.

Alla ripresa del gioco il capolavoro del n. 32: angolo battuto da Savino all’indietro per Modoni, che di sinistro di prima intenzione ha mandato la palla a togliere le ragnatele dall’incrocio dei pali sul lato opposto: applausi da tutti i presenti, compresi gli avversari. Dopodichè, è toccato a Migliorin salvare la propria porta dagli assalti dei Teetan, ma nemmeno il n. 1 di origine svizzera ha potuto qualcosa sul missile di Auletta, che da centrocampo ha esploso un destro terrificante. Il tempo di rimettere la palla al centro e gli AM si sono ritrovati di nuovo in vantaggio: Modoni ha tirato direttamente in porta, sorprendendo Piagni sul primo palo. 4-3. La risposta dei ragazzi di Picchi è arrivata con la traversa clamorosa di Salerno, subito prima del 5-3 di Modoni, che ha ribattuto da un metro una gran parata di Piagni sul diagonale velenoso di Savino.

I Teetan allora hanno calato l’asso, con le senbianze di Amir Khamsi: il n. 9 (ed MVP della stagione) si è inventato un tacco al volo su calcio d’angolo che ai più ha ricordato il gol di tacco di Mancini in un derby romano di qualche anno fa: 5-4

L’episodio che poteva chiudere la partita in favore dei ragazzi di Franzosi è avvenuto a 6 minuti dalla fine, quando Modoni si è procurato un calcio di rigore dopo essere stato atterrato da Piagni. Il n. 32 ha però sparato alto, tenendo vive le speranze degli avversari.

Le speranze hanno trovato la loro soluzione in Matteo Picchi, che al secondo dei 4 minuti di recupero, si è liberato di Franzosi ed ha siglato la rete del 5-5. I due tempi supplementari sono stati all’insegna della prudenza, vista l’importanza della posta in palio, ma da una parte Modoni e dall’altra Nocco hanno avuto la palla della vittoria, mancando però di precisione al momento della conclusione.

L’epilogo ai calci di rigore fa felice gli AM LEA: segnano tutti, tranne Salerno al primo tentativo.

La squadra di capitan Franzosi festeggia giustamente un successo meritato e voluto fin dall’inizio della stagione, mentre i grigi masticano amaro, ma non può esserci spazio per la delusione, visto la grande cavalcata che li ha portati a giocarsi il titolo di campione in finale.

Seconda Fase – Semifinali – Il riassunto delle semifinali di Champions ed Europa League

Saranno AM LEA vs AC Teetan e Infamous FC vs FC Tommasi le finali della Champions ed Europa League della Mi Games League Football! Al termine di 4 semifinali combattuttissime, il campo ha decretato il suo verdetto.
Il 1° maggio al Masseroni 2, durante l’evento Mi Games Days organizzato in collaborazione con adidas Football, si giocheranno le 4 finali, che stabiliranno i vincitori dell’edizione 2018-19.

CHAMPIONS LEAGUE

Tabellone Finali Champions League

Afterlife FC – AC Teetan 1-3

Impresa degli AC Teetan nella semifinale di martedì 16 aprile! La squadra di Matteo Picchi sconfigge per 3 a 1 gli Afterlife, una delle squadre più accreditate alla vittoria finale; i grigi hanno disputato la partita perfetta, capitalizzando al massimo le occasioni create e trovando in Andrea Piagni un baluardo quasi insuperabile.
Coach Francesco Errante ha dovuto fare i conti con le assenze di Chiozzi, Falsone, D’Addato e Mura, mentre dall’altra parte mister Mantovani è stato costretto a rinunciare a Salerno e Simonato.
La gara fin dal principio è ben giocata da entrambe le formazioni, con gli Afterlife più manovrieri e i Teetan molto compatti e pronti a pungere in contropiede. Il vantaggio avviene intorno al 15’, quando Alessandro Piagni scambia bene con Auletta e fulmina Federico Errante sul palo lontano. I neri reagiscono, ma sbattono contro la retroguardia Teetan, che ha in Bisiacchi il proprio condottiero; lo 0-1 con cui si conclude la prima frazione è sinonimo di equilibrio, nonostante più volte i difensori in maglia grigia abbiano sbrogliato situazioni pericolose in area di rigore. La seconda frazione si apre con il pareggio degli Afterlife: lancio sulla sinistra per Cinquepalmi, passaggio arretrato per Russo che di potenza supera Piagni. Il portiere Teetan si rifà qualche minuto più tardi, quando intercetta un tap-in a colpo sicuro di Finelli; dopo un altro occasione per gli Afterlife, arriva il sorpasso degli avversari: Khamsi resiste a due interventi a metà campo e calcia, colpendo il palo, Cerrato si tuffa letteralmente sulla respinta e di testa porta in vantaggio la propria squadra. I Teetan sulle ali dell’entusiasmo trovano anche il terzo gol: Oppido conclude dai 20 metri, la palla viene deviata e inganna Errante, che si deve arrendere. Sul 3 a 1 ma con altri 10 minuti abbondanti da giocare, gli Afterlife si riversano in avanti, ma i vari tentativi di Russo, Ventura e Cinquepalmi trovano sempre l’opposizione di Piagni, MVP indiscusso della serata.
I Teetan volano in finale, mentre gli Afterlife si dovranno accontentare della sfida per il 3-4° posto.

 

Ristorante Donati – AM LEA 4-5

AM LEA conquista la finale della Champions League della Mi Games Leaegue Football 2018-19 battendo ai supplementari Ristorante Donati, altra squadra favorita per alzare il titolo. Non sono bastati i canonici 44’ per stabilire il vincitore, visto il potenziale schierato in campo dai due allenatori: solo nell’ extra time Bertocchi è riuscito a segnare il gol del definitivo 4-5.
I verdeoro, privi dello squalificato Benny Carbone, spingono subito sull’acceleratore, mettendo alla prova Migliorin con i tentativi di Rolando Bianchi e Cappellini. A passare sono però i ragazzi in maglia blu, con la complicità del portiere Trezza, che regala palla a Bertocchi su un disimpegno in uscita. AM LEA trova subito il raddoppio, e lo fa in grande stile: lancio millimetrico di Savino che pesca sulla Vaini, che in sforbiciata al volo segna il 2-0.
I Donati si scuotono e reagiscono: Bianchi prima impegna Migliorin con una conclusione dalla distanza, poi serve a Cappellini l’assist del 2-1, ; infine si mette in proprio e pareggia con una conclusione improvvisa sul primo palo. Il 2-2 con cui termina il primo tempo è una perfetta sintesi del grande equilibrio in campo.
Nel secondo tempo mister Nardo inserisce Di Davide, che si fa subito notare con il gol del 3 a 2: tiro dalla distanza deviato che non dà scampo a Pastore (subentrato a Trezza). Lo stesso n. 5 trova il 4 a 2 con una bellissima azione personale pochi minuti dopo: ruleta su Cappellini, tocco morbido di suola per trovare lo spazio e conclusione d’esterno sinistro a superare il portiere.
La partita sembra chiusa ma le risorse dei Donati sono infinite: Rolando Bianchi di tacco accorcia le distanze su azione di calcio d’angolo, poi Valtolina si conquista con grande esperienza un calcio di rigore che il n. 9 realizza con estrema freddezza spiazzando il portiere. 4-4 e gara che va ai supplementari. Nel primo tempo, AM trova subito il vantaggio con Bertocchi, che scavalca Pastore con un pallonetto; i blu di Nardo poco dopo colpiscono un clamoroso palo con Savino, che avrebbe chiuso definitivamente la partita. La gara resta aperta e le occasioni migliori per pareggiare capitano sui piedi di Rolando Bianchi, che prima manda fuori in girata, poi trova l’incredibile salvataggio sulla linea di porta da parte di Franzosi, che compie un intervento decisivo quanto un gol.
Mercoledì 1° maggio gli AM Lea sfideranno gli AC Teetan nella finale per il titolo, mentre lo stesso giorno i Donati sfideranno gli Afterlife per il 3°-4° posto.

Programma delle Finali di Champions League

EUROPA LEAGUE

Tabellone Finale Europa League

 

AC Pepperoni – FC Tommasi 1-3

I Tommasi sono i primi finalisti di Europa League 2018/19! La squadra dei fratelli Locatelli ha superato per 3 a 1 i Pepperoni di Fontana Rava, che nonostante un secondo tempo passato nella metà campo avversaria non sono riusciti ad avere la meglio sugli arancioni.
Entrambe le squadre si presentano al Masseroni 2 con qualche assenza: nei giovani granata mancano Baiardo e Marchetti, negli arancioni non ci sono Luraghi, Pedercini, Sterza e Lietti, che però guida la squadra dalla panchina. I Tommasi partono bene, impegnando più volte il portiere e capitano Fontana Rava con le conclusioni di Fiorica, ma il n. 1 risponde sempre presente. I Pepperoni fanno fatica a trovare spazi nell’ organizzata difesa arancione, e Mucci viene impegnato solamente con conclusioni dalla distanza. Ci vorrebbe un guizzo per sbloccare il risultato, ed è quello che trova Fiorica a pochi secondi dallo scadere del primo tempo: dribbling su tre avversari e conclusione potente che non dà scampo a Fontana Rava. Nella ripresa i Pepperoni partono in quarta, alla ricerca del pareggio, ma finiscono col prestare il fianco ai Tommasi, che trovano il raddoppio dopo 2’ ancora con il n. 14, che giustizia il portiere sul suggerimento di Dalledonne. La gara sembra essere in cassaforte, ma i granata reagiscono subito e trovano l’1-2 con Bandi, che da posizione defilata supera Mucci. Da qui in avanti è un monologo Pepperoni, che invadono la metà campo degli arancioni ma senza trovare il tiro risolutivo. I Tommasi, complice anche un calo fisico, non riescono più a mettere la testa fuori, ma in uno dei rari contrattacchi chiudono la partita: Fiorica stavolta confeziona un assist al bacio per Davide Locatelli, che irrompe al centro dell’area di rigore e di destro supera per la terza volta Fontana Rava. I Pepperoni provano gli ultimi disperati assalti (girata al volo di Giovetti e tiro di Di Benedetto che terminano sul fondo), ma i Tommasi gettano il cuore oltre l’ostacolo e conquistano con merito la finalissima.

 

I Somari – Infamous FC 4-6

Gli Infamous conquistano la finale di Europa League, in cui sfideranno gli FC Tommasi, grazie al successo per 6 a 4 ottenuto contro i Somari, campioni in carica del torneo.
Grande la soddisfazione del capitano William Funck, che grazie all’apporto di tutti i suoi compagni ottiene l’ottava vittoria consecutiva, dopo una prima parte di campionato decisamente sottotono. Amarezza invece in casa Somari, dove non basta l’ennesima tripletta di bomber Natali (che si avvia a vincere il titolo di capocannoniere del torneo) per portare la squadra di Amendola a giocarsi la seconda finale consecutiva.
Gli Infamous partono subito a mille e trovano il gol dopo 10’’: conclusione di Pellegrino, respinta corta di Amendola e tap-in vincente di Romano. Poco dopo, un rinvio sbagliato di Funck mette Natali davanti alla porta, ma l’estremo difensore si fa perdonare e devia la conclusione del n. 9 in calcio d’angolo. Corner che si rivela fatale per i blu, che subiscono il raddoppio su un perfetto schema dei rossi: è ancora Romano a concludere di sinistro e a superare Amendola.
Sotto di due gol i Somari reagiscono: Natali si guadagna una punizione dal limite dell’area e si incarica della battuta, spedendo la palla all’incrocio dei pali. Prima dello scadere, è Funck a bloccare in uscita il tentativo di 2-2 del n. 9, con gli Infamous che vanno al riposo in vantaggio.
Nella ripresa i campioni in carica trovano subito il pareggio: bellissima azione in tandem tra Natali e Motta, con il n. 16 che con un preciso diagonale fulmina Funck. Il pareggio però dura poco, perchè ancora sugli sviluppi di un calcio d’angolo i biancorossi beffano Amendola con la conclusione di Esposito, deviata da un difensore. I Somari provano a reagire, ma incassano ancora altri due gol: il tiro di Romano viene deviato, ma finisce proprio sui piedi di Carrassi che da due passi non sbaglia, poi è Esposito che con un’azione solitaria in contropiede firma il 5-2 che sembra spegnere le speranze dei blu. In queste partite però basta un episodio per riaprire tutto, anche se il tempo a disposizione è poco: succede quindi che a 1’ minuto dalla fine Natali accorci le distanze (assit di Motta) e poi 20’’ dopo il rilancio in area di Amendola trovi la deviazione sfortunata nella propria porta di Esposito, per il 4-5.
Nell’ultimo disperato assalto però, il rilancio in area del portierone dei Somari viene intercettato sul nascere da Pellegrino, che segna il gol del definitivo 6 a 4.
Gli Infamous sfideranno gli FC Tommasi mercoledì 1° maggio, mentre lo stesso giorno i Somari proveranno a portare a casa la coppa di consolazione giocando contro i Pepperoni.

Programma delle Finali di Europa League

Seconda Fase – Quarti di Finale – Il riassunto dei quarti di Champions ed Europa League

Dentro o fuori: questo è quello che passa per la testa delle qualificate alla fase ad eliminazione diretta della Champions e dell’Europa League della Mi Games League Football 7 vs 7 partner adidas Football. Dopo due giorni di battaglie e di gran calcio, andiamo a vedere come sono andati i quarti di finale.

CHAMPIONS LEAGUE

Tabellone Finale Champions League

Afterlife FC vs I Piccionazzi 6-5

I quarti di finale della Champions League hanno messo di fronte Afterlife e Piccionazzi, che si erano già affrontati lo scorso novembre, quando la squadra di mister Errante si era imposta in scioltezza per 7 a 2. Questa volta la partita ha avuto tutto un’altro svolgimento: i biancocelesti di Barzaghi hanno risposto colpo su colpo alla corazzata in maglia nera, non brillantissima e che ha accusato qualche difficoltà contro gli indiavolati Piccioni, desiderosi di proseguire il loro cammino in Champions. La gara si è subito messa bene per gli Afterlife, andati sul doppio vantaggio Russo e Cinquepalmi; i biancocelesti hanno reagito con De Vincenzi, ma sugli sviluppi della ripresa del gioco conseguente il 2-1, ancora Cinquepalmi ha sorpreso Barzaghi con la rete del 3-1. I Piccionazzi non si sono fatti abbattere ed hanno continuato ad attaccare, trovando il 3-2 ancora con De Vincenzi e poi pareggiando con un bellissimo pallonetto di Negri, che ha superato il portiere Errante in uscita. Nella ripresa, il n. 23 in maglia nera ha realizzato la sua personale tripletta, ma il n. 9 biancoceleste lo ha imitato, dando la spinta per il sorpasso arrivato con la rete di Caserta. I Piccionazzi hanno avuto il colpo del ko sempre con De Vincenzi, ma il palo ha salvato gli Afterlife, che prima hanno segnato con la punizione di Ventura (decisiva la deviazione della barriera), poi hanno trovato il gol della vittoria con Maisto, che ha concluso una bella azione orchestrata da Mura.

 

AC Teetan – Maldita FC 4-1

I Teetan ribaltano il pronostico ed eliminano i Maldita, che avevano chiuso il girone B a punteggio pieno e non perdevano dello scorso 12 febbraio (contro Ristorante Donati). Grandissima la prova dei ragazzi di Picchi, che hanno meritato in pieno la qualificazione alla semifinale grazie ad un’eccellente prestazione di squadra. I Maldita escono dal torneo dopo aver perso la seconda partita in 5 mesi, con il rammarico di non essere riusciti a dare il 100% nella gara più importante. I grigi sono passati in vantaggio con Auletta, che ha sorpreso Paloschi con un tiro dalla distanza leggermente deviato da Ghedini. Nella ripresa, dopo il clamoroso palo di Oppido, è stato Khamsi a portare i Teetan sul 2 a 0, resistendo alla pressione di Portolano e lasciando di sasso Paloschi. Il n. 9 si è ripetuto pochi minuti più tardi, direttamente su calcio di punizione, con la palla che è scesa all’improvviso all’altezza del primo palo. Sul 3 a 0, i Maldita sono riusciti ad accorciare le distanze grazie a Nobile, che in mischia è stato bravo a trovare lo spazio per battere un fin lì insuperabile Piagni. Le speranze di rimonta dei blu di Padovani sono state spente subito da Khamsi, il migliore in campo, che ha battuto per la quarta volta Paloschi con una gran conclusione dai 20 metri.

 

Ristorante Donati – $€GVRO €BBA$TA 5-3

Sembrava la classica sfida tra Davide contro Golia, ma il campo ha detto altro: Ristorante Donati passa il turno ma con molta fatica, merito dei $€GVRO
€BBA$TA
, passati per il rotto della cuffia nel girone B ma capaci di mettere in seria difficoltà gli esperti giocatori verdeoro.
I Donati hanno schierato la formazione migliore, tenendo comunque in panchina Valtolina e Melosi, mentre mister Pellegrini, perso Cervelli per squalifica, ha recuperato tutti gli altri effettivi, tra cui il giovane Lavopa. I Seguro non si limitano a difendersi con ordine, ma sfruttano la grande serata di Campi e Rana per mettere creare pericoli agli avversari: su un angolo battuto da Rana, irrompe a centroarea il capitano Monti, che porta in  vantaggio la sua squadra. I Donati reagiscono e pochi minuti dopo pareggiano con Budel, che salta secco Moschione e di sinistro batte Soffiantini. La partita è apertissima e Moschione serve un cioccolatino a Campi che batte con un delizioso tocco sotto Trezza proteso in uscita. I verdeoro reagiscono, ma il palo salva due volte la porta di Soffiantini sulle conclusioni di Carbone e Rolando Bianchi, mentre dall’altra parte è ancora Campi a battere trezza con un bellissimo tiro dalla distanza. Prima dell’intervallo, Carbone accorcia le distanze su assist del solito Budel. Lo stesso numero 5 in apertura di ripresa realizza il 3-3, poi Carbone e Lavopa non se le mandano a dire e l’arbitro li manda anzitempo sotto la doccia. In  6 vs 6 la partita si fa ancora più aperta, ma la tecnica dei giocatori in maglia gialla si fa sentire: prima Valtolina si guadagna un penalty, ma Perelli è straordinario nel respingere il tentativo di realizzazione del n. 3; poi l’ex giocatore di Piacenza e Venezia si fa perdonare, realizzando il 4-3 e il 5-3, quest’ultimo un eurogol da vedere e rivedere. I Seguro provano a dar fondo alle energie rimanenti, ma ciò non è sufficiente per compiere l’ennesima impresa. Finisce così, con i neri che escono tra gli applausi e i gialli che tirano un sospiro di sollievo: al netto dell’episodio della doppia espulsione, è stata un bellissima partita.

 

Lokomotiv Losca – AM LEA 1-4

L’ultimo quarto di finale metteva di fronte due squadre che si erano già affrontate durante la prima fase a gironi, quando gli AM LEA avevano battuto i Losca per 7 a 2: stavolta in palio non c’erano i 3 punti, ma il passaggio in semifinale. I valori in campo si sono riconfermati, con la squadra di Nardo che si è imposta per 4 a 1, sfruttano i suoi uomini migliori: dal portiere Migliorin, autore di interventi decisivi nei momenti cruciali della partita, a Fontana, che ha sbloccato la gara con un gran calcio di punizione. I Losca hanno provato a reagire, ma nella fase finale hanno difettato di precisione, trovando il portiere in grande serata. I gol di Savino e Marino ha complicato ulteriormente i piani per le locomotive giallonere, che hanno trovato il gol dell’1-3 con una bellissima azione conclusa da Mirabella. I Losca hanno spinto alla ricerca del gol che avrebbe riaperto inevitabilmente la partita, ma Marino ha battuto per la quarta volta Lama, firmando il definitivo 4 a 1.
AM LEA passa il turno ed affronterà Ristorante Donati in una semifinale tutta da vivere; i Lokomotiv Losca escono dal torneo a testa alta, con il rammarico di non aver sfruttato al meglio alcune occasioni capitate durante l’arco della partita.

EUROPA LEAGUE

Tabellone Finale Europa League

AC Pepperoni – Clubbers 3-1


Pepperoni e Clubbers non si erano mai incontrate nelle precedenti 16 partite; i giovani di Giovetti e Fontana Rava dopo 3 vittorie consecutive erano riusciti a passare da come secondi del girone A, mentre gli uomini di Venanzetti avevano chiuso il girone B al terzo posto. Pochissime le assenze nei due schieramenti, anche se i granata avevano solo un cambio a disposizione. L’equilibrio iniziale, frutto di un buon possesso palla dei biancorossi e di un timido pressing dei Pepperoni, è stato interrotto grazie ad una bellissima azione corale, che ha portato il gol di Semenzato; i granata hanno provato a reagire con Quadri e Di Benedetto, ma Frascella si è dimostrato in ottima serata ed ha respinto i tentativi avversari. Altra musica nel secondo tempo: la freschezza atletica dei Pepperoni è emersa, e l’esperienza dei Clubbers non è bastata per arginare le folate degli ortaggi: prima Viscardi ha pareggiato su una corta respinta del portiere, poi Di Capua a realizzato il 2 a 1 con un gran tiro dalla distanza. Il 3 a 1 finale è stata la classica azione di contropiede magistralmente condotta da Di Benedetto, rifinita da Stopponi e tramutata in rete da Quadri. A nulla è valso il forcing finale dei Clubbers, che escono dal torneo recriminando per le molte occasioni da gol non concretizzate.

 

Coca Juniors – I Somari 2-6

Altra sfida inedita quella tra i Coca Juniors, vincitori del girone A, e i Somari, campioni in carica e qualificati come quarti del girone B. La squadra di Amendola si è presentata all’appuntamento decisivo con tutti gli effettivi a disposizione (tranne l’infortunato Previero, che ha concluso anzitempo il suo torneo), mentre i Coca di Macchia erano privi di Davoli e Giustini. I blu hanno condotto le danze sin dal primo minuto, andando vantaggio con la doppietta di Fullin e il gol di Motta; Girotto ha accorciato le distanze poco prima dell’intervallo, ma nella seconda frazione si è scatenato bomber Natali, che con una tripletta ha messo al sicuro risultato e semifinali. Il gol di Giardina è servito solo per aggiornare le statistiche e per rendere meno amara l’uscita di scena dei biancocelesti, autori comunque di un grande torneo alla loro prima partecipazione.

 

Milano United – Infamous FC 3-5

Il penultimo quarto di finale metteva di fronte due matricole dell’edizione 2018/19: i Milano United, protagonisti di un 2019 in crescendo, e i biancorossi capitanati da Funck, letteralmente trasformati in positivo nella seconda fase. Oltre allo squalificato Guardalà, i ragazzi di Cosmai hanno dovuto fare a meno di Orban, Ferrara e Vertulli, quest’ultimo decisivo nelle ultime partite; gli Infamous invece hanno schierato solo 8 elementi, visto le assenze di tutti gli altri giocatori della rosa. Gli “infami” sono andati subito in vantaggio con un grandissimo gol di Romano, autore poco dopo del gol del 2-0; in pochi minuti però i Milano United hanno reagito e Virgilio ha realizzato la doppietta del 2-2, prima che Intini portasse in vantaggio i ragazzi di Funk. Nel secondo tempo Cuppone ha subito pareggiato, portando la partita sul 3 pari: con lo scorrere dei minuti ogni azione poteva essere quella decisiva e la tensione è salita: a farne le spese sono stati Intini e Virgilio, mandati entrambi sotto al doccia dall’arbitro. Nel finale, ci hanno pensato Pellegrino e Boni a sbloccare la parità, segnando due gol e regalando agli Infamous la semifinale.

 

Real Crisantemi – FC Tommasi 7-8 d.c.r.

L’ultimo quarto di finale dell’Europa League è stato Real Crisantemi contro Tommasi: la partita è stata bella e combattuta e ci sono voluti addirittura i calci di rigore per decretare il vincitore. I Crisantemi si sono presentati all’appuntamento privi dei fratelli Galletta, mentre i Tommasi hanno dovuto fare a meno dell’infortunato Lietti, che veste i panni dell’allenatore ormai da qualche partita.
I Tommasi sono partiti subito alla carica, muovendo bene il pallone ma non creando troppi problemi a Salis; i Crisantemi si sono ben raccolti i difesa, affidandosi alle iniziative personali per fare male a Mucci. In una di queste Cho ha scagliato un tiro violentissimo che Mucci non ha trattenuto, favorendo il tap-in vincente di Andrea Ingraffia che ha portato in vantaggio i verdi. Gli arancioni, nonostante la grande mole di gioco prodotta, hanno trovato il pareggio solo ad inizio ripresa, con Beltrame che ha battuto Magni con un tiro dalla distanza; pochi minuti dopo Jacobone in versione maradoniana ha seminato il panico sulla sinistra e servito Matteo Locatelli, che tutto solo a al centro dell’area ha messo dentro il 2 a 1. Il n. 7 ha subito ricambiato il favore ricevuto, ma stavolta è stato Masselli a farsi trovare al posto giusto per segnare il 3 a 1. La gara sembra finita ma Grazioli ha trovato la traiettoria giusta per sorprendere Mucci e qualche minuto più tardi lo scatenato Cho ha segnato il 3-3 con una potente conclusione da metà-campo. I supplementari sono scivolati via lentamente, con le due formazioni che hanno pensano a non scoprirsi per non prendere il gol decisivo. Ai rigori a spuntarla sono stati gli arancioni, con Mucci che ipnotizza prima Andrea Ingraffia e poi Poli, e Masselli che realizza il penalty decisivo, dopo che Salis aveva parato su Jacobone.

Seconda Fase – MatchWeek 5 – Il riassunto della quinta giornata di Champions ed Europa League

Si sono conclusi i gironi della seconda fase della Mi Games League Football 7 vs 7, il torneo invernale di Mi Games partner adidas Football che è giunto alla sua fase finale.
Vediamo le squadre che si sono qualificate ai quarti di finale, che si disputeranno il 9 e il 10 aprile, e che vedranno incrociarsi le prime contro le quarte e le seconde contro le terze di ogni girone.

CHAMPIONS LEAGUE

Risultati 5° giornata Champions League

La Champions League della Mi Games League Football 2018/19 è terminata con le partite di mercoledì al Masseroni 1, che hanno stabilito le Magnifiche 8 che si sfideranno nei quarti di finale del 9 e 10 aprile.

Le partite delle 20:00 hanno visto fronteggiarsi AC Teetan contro Lokomotiv Losca e Tango Squad contro Maldita.

I grigi capitanati da Matteo Picchi erano già qualificati al turno successivo, mentre i Losca di Mirabella (assente) dovevano vincere per poter passare. Le locomotive giallonere, trascinate da un ottimo Pasotti (doppietta per lui), si sono imposte per 6 a 2, guadagnandosi il terzo posto del girone A. Inutile la doppietta di Cerrato nei Teetan, che affronteranno i Maldita nell’ultimo quarto di finale.

I Maldita erano già certi della prima posizione nel girone B, mentre Tango Squad si giocava il tutto per tutto per la qualificazione: ha vinto la squadra di Padovani per 7 a 5, grazie a un super Mistretta, autore di un poker, e ai gol di Padovani, Santamaria e Nobile. I Tango di Bertoni e Basilico invece, nonostante una buonissima prestazione (doppietta dello stesso n. 9 e reti del capitano, di Colombo e Zennaro), salutano il torneo a causa dello scontro diretto perso contro i $€GVRO €BBA$TA, che hanno superato i Milfwall nella partita delle 22:00.

Le sfide delle 21:00 hanno interessato esclusivamente il girone A. Afterlife contro Pini è stata un partita divertente e combattuta: i ragazzi di coach Errante si giocavano il primo posto, mentre quelli di Mori, a causa della vittoria della Losca, erano già consapevoli dell’eliminazione ed hanno giocato liberi da troppe pressioni, mettendo in difficoltà la corazzata del presidente Gigi Urso. La partita è terminata 7 a 4, con le prestazioni maiuscole di Falsone da una parte (tripletta) e Calesella dall’altra (doppietta) e i gol di Gatto (doppietta), Ventura e Maisto per gli Afterlife e di Mori e Raineri per i Pini.

Ristorante Donati contro Lo Porto Io era iniziata con il vantaggio a sorpresa della squadra di La Croce firmato da Lenoci ma, come spesso è accaduto in questa stagione, i verde-oro sono cresciuti alla distanza ed hanno preso il largo grazie alla tripletta di Valtolina e alla doppietta di Rolando Bianchi (di Budel ed Esposito gli altri due gol). Con questo 7 a 1, la squadra del presidente Sergio Donati si conferma regina del girone A, grazie alla miglior differenza reti rispetto ad Afterlife, mentre i blu salutano questa stagione dopo aver raccolto 1 punto in 5 partite, forse un po’ poco rispetto alle prestazioni offerte.

Le partite delle 22:00 hanno definito le gerarchie del girone B: pareggio spettacolare per 6-6 tra AM LEA e Piccionazzi, entrambe già qualificate ma desiderose di prevalere per agguantare il 2° posto. Ai gol di Fontana (2), Modoni (2), Savino e Cosmacini hanno risposto la tripletta di De Vincenzi, la doppietta di Di Vincenzo e il gol di Negri, con i due portieri Vasquez e Barzaghi che hanno dovuto compiere gli straordinari per evitare altre marcature. Un punto a testa, che qualifica AM come seconda e Piccionazzi come terza.

Milfwall contro $€GVRO €BBA$TA era decisiva per i neri di mister Pellegrini, che i caso di vittoria avrebbero agganciato Tango Squad a quota 6, superandola avendo vinto lo scontro diretto. La missione è stata compiuta grazie ad un perentorio 8 a 2, frutto delle triplette di Rana e Lavopa (al rientro dopo un lunghissimo infortunio) e dai gol di Campi e Bombino. Gli arancioni di Pigoli, privi dei fratelli Grisolia, escono comunque a testa alta con i gol di De Felice e Fausti, lanciando già la sfida per la prossima edizione.

Classifica 5° giornata Champions League

EUROPA LEAGUE

Risultati 5° giornata Europa League

L’ultimo turno dell’Europa League della Mi Games League Football si è giocato interamente di martedì al Masseroni 2, con partite vive e ricche di gol, che hanno definito gli accoppiamenti per i quarti di finale.

Alle 20:00 sono scese in campo Coca Juniors contro AC Pepperoni per il girone A e Somari contro Bastioni per il girone B; i giovani di capitan Fontana Rava hanno approfittato di un Coca Juniors già qualificato come prima e priva del proprio portiere per assicurarsi il secondo posto in classifica, grazie all’8-2 firmato dal poker di Bandi, la doppietta di Quadri e le reti di Giovetti e Visconti. I biancocelesti, dopo aver chiuso il primo tempo sullo 0-6, sono riusciti a segnare con Boglioni (al rientro dopo l’infortunio) e bomber Girotto, chiudendo comunque in solitaria il girone A.

I Somari campioni in carica avevano l’obbligo di battere i Bastioni per guadagnarsi i quarti di finale: la missione è stata portata a termine grazie ad altri 5 gol di bomber Natali e all’incredibile tripletta di Bossi, che timbrano questo 8 a 1 e (quasi) assicura il quarto posto; I Bastioni invece, a segno con Bianchi (in gol da 3 partite consecutive), chiudono la stagione invernale senza punti, ma con un finale in crescendo e tanto sano entusiasmo, da prendere come esempio da tutti i partecipanti.

Le partite delle 21:00 hanno concluso il girone A: i Burkina Sfaso, già consapevoli dell’eliminazione a prescindere dal risultato di Milano United vs Real Crisantemi (giocata in contemporanea), hanno sfornato una prestazione senza troppe pressioni, sconfiggendo per 8 a 4 la SS Longobarda. Capitan Zoboli mette a segno 5 gol, guadagnandosi la palma di migliore in campo, mentre Paloschi (doppietta) e Gnocchi arrotondano il risultato. I blu di Scotti colpiscono con due gol di Federico Pulejo (il migliore dei suoi) e le reti di Colabella e Paulesu, ma non riescono ad evitare la quinta sconfitta del girone.

Milano United vs Real Crisantemi valeva il secondo posto: si sono imposti i verdi capitanati da Emanuel Ingraffia per 6 a 3 dopo una partita molto combattuta, grazie alle reti di Poli (doppietta), Cho, Grazioli, Andrea Ingraffia e Luca Galletta, a cui hanno risposto parzialmente Vertulli, Virgilio e Beacco con un gol ciascuno. I Crisantemi devono però ringraziare il proprio portiere Salis, che con alcuni interventi miracolosi ha evitato il peggio nelle fasi cruciali del match.

Le ultime due partite, quelle delle 22:00, sono state decisive per le sorti del girone B: la sfida tra  biancorossi, Negroni contro Infamous, si è risolta in favore dei ragazzi di Carrassi, che hanno vinto per 2 a 1. Intini e Marco Pellegrino hanno regalato 3 punti importantissimi alla banda Funck (assente in quest’ultimo turno), stroncando quasi definitivamente le speranze di qualificazione dei Negroni, a segno con il solito Antonini, che dovranno battere i Tommasi con 12 gol di scarto nel recupero di venerdì per passare il turno.

Il girone A termina con Coca Juniors al primo posto, che affronteranno con molta probabilità i Somari il 10 aprile; l’incredibile ex aequo tra Pepperoni, Real Crisantemi e Milano United, tutte a 9 punti e con parità negli scontri diretti, si risolve in favore dei Pepperoni grazie alla classifica avulsa, con Milano United che finisce terzo e i Real Crisantemi quarti.

 

Recupero 3a giornata girone B

Venerdì al Masseroni 1 si è giocato il recupero della seconda giornata del girone B tra FC Tommasi e Negroni. Gli arancioni dovevano assolutamente vincere per guadagnare il primo posto, grazie allo scontro diretto favorevole contro gli Infamous FC, mentre era proibitiva la missione dei biancorossi, che dovevano vincere con 12 gol di scarto per sopravanzare i Somari al quarto posto. La partita è terminata 5 a 1 in favore dei Tommasi, ma c’è stato molto equilibrio in campo, come testimonia l’1-0 dell’intervallo firmato da uno sfortunato autogol di Scannavini. Nella ripresa, la squadra di Croso è riuscita a pareggiare con Cappuccini, ma la maggior organizzazione degli arancioni ha fatto la differenza, con la doppietta di Pedercini e i gol di Fiorica e Davide Locatelli, nonostante una grande prova di Tartaglia, autore di almeno altre 3 parate decisive.

Classifica 5° giornata Europa League – Gironi A e B

 

Seconda Fase – MatchWeek 4 – Il riassunto della quarta giornata di Champions ed Europa League

Mancano solo gli ultimi 44 minuti di gioco per decretare le squadre che disputeranno i quarti di finale di Champions ed Europa League della Mi Games League Football 7 vs 7 partner adidas Football. Le gare di questa settimana hanno dato i primi verdetti: vediamo com’è andata la quarta giornata.

CHAMPIONS LEAGUE

Risultati 4° giornata Champions League

Le partite della Champions della Mi Games League Football 7 vs 7 si sono concentrate il mercoledì al Masseroni 1, con ben quattro incroci. Il martedì invece è stato il giorno di Maldita contro Milfwall e di Afterlife contro Ristorante Donati.

La capolista del girone B, ha battuto gli arancioni di Pigoli per 9 a 5, guadagnandosi il primo posto definitivo (anche in caso di arrivo a pari punti con AM LEA, lo scontro diretto è a favore della squadra di Padovani) grazie alle tre doppiette di Ghedini, Villa e Nobile; i Milfwall vedono sfumare le possibilità di qualificazione, nonostante una buona prova collettiva ed all’ottima prestazione di De Felice, a segno anche lui per due volte.

Afterlife e Ristorante Donati si erano già affrontate nella fase a gironi, in cui i verdeoro avevano avuto la meglio sui neri per 7 a 5. Come a febbraio, anche in questa partita le emozioni e le giocate di altissimo livello non sono mancate, in un continuo botta e risposta che ha fatto divertire gli spettatori presenti al Masseroni 2: gli Afterlife trovano subito il doppio vantaggio con Gatto e Chiozzi, ma subiscono la rimonta dei vecchi leoni milanesi, che con Valtolina, Miserendino e Carbone ribaltano il risultato. Maisto fa 3-3 prima dell’intervallo, mentre nella ripresa i Donati vanno avanti con Budel, ripreso da Mura, e ancora Carbone. all’ultimo respiro, Ventura pennella su punizione la palla del 5-5 finale, regalando un punto a testa e lasciando invariate le gerarchie in cima al girone A.

Ha aperto la bagarre del Masseroni 1 AC Pini contro AC Teetan, lo scontro diretto del girone A per il passaggio ai quarti di finale. L’hanno spuntata i grigi di Picchi, con una prestazione maiuscola, mentre i Pini hanno fatto tutto il possibile, giocando addirittura in 6 contro 7 per alcuni minuti del secondo tempo: è stato Khamsi il trascinatore con una tripletta, ben coadiuvato da Simonato (doppietta). I verdi hanno reagito con i gol di Allegrini (doppietta), Sorbini e capitan Mori, ma hanno pagato la maggiore freschezza atletica degli avversari. Con questi tre punti i Teetan accedono ai quarti di finale, mentre i Pini dovranno battere gli Afterlife e sperare in un risultato negativo dei Losca per qualificarsi.

Gol e spettacolo anche tra Lokomotiv Losca e FC Lo Porto Io, terminata 4-4 e che lascia spiragli di qualificazione ad entrambe le squadre nel girone A. Parità in tutto: marcatori (8 giocatori diversi), occasioni e punti guadagnati; a vedere il bicchiere mezzo vuoto sono sicuramente i gialloneri di Mirabella (in gol), che subiscono il gol del 4 pari in uno degli ultimi assalti dei blu. I Lo Porto Io, che hanno schierato Belvedere in porta, non hanno mai mollato ed hanno trovato con De Matteis un meritato punto, il primo di questa Champions. Le chances di qualificazione sono ridotte al lumicino, ma una combinazione di risultati (tra cui la vittoria proprio dei Lo Porto contro Ristorante Donati) potrebbe far ricredere i bookmakers.

Alle 22:00 si sono disputate due sfide fondamentali per le sorti del girone B: $€GVRO €BBA$TA contro I Piccionazzi ed AM LEA contro Tango Squad. Tra i neri di Seguro Milanese e i piccioni di Barzaghi è finita con la vittoria dei celesti per 6 a 2, grazie alla tripletta di Di Vincenzo e alla doppietta di Mangano. I ragazzi di mister Pellegrini hanno ribattuto colpo su colpo, ma capitan Barzaghi ha confermato l’ottimo momento di forma, parando molti tentativi di Monti e compagni. Solo Moschione e Cervelli sono riusciti a vincere la resistenza dell’estremo difensore biancoceleste. I $€GVRO forse dicono definitivamente addio alla possibilità di qualificarsi alla fase ad eliminazione diretta, mentre i Piccionazzi hanno un piede e mezzo nei quarti di finale.

AM LEA vs Tango Squad ha dimostrato che la squadra di mister Nardo – tolti i “mostri sacri” Donati, Afterlife e Maldita – ha qualcosa in più delle altre: il 6 a 1 inferto alla Tango Squad al gran completo lo certifica. Protagonista assoluto Modoni, che realizza un gol in rovesciata da far vedere e rivedere a tutti gli amanti del calcio. I blu di capitan Franzosi poi vanno a segno con Savino (doppietta) e Fontana, per poi dilagare nel finale con Pepe e lo stesso n. 4; in mezzo il gol del provvisorio 3 a 1 messo a segno da Samba Mbaye, quando sembrava che la partita potesse riequilibrarsi. AM LEA stacca il pass per i quarti, mentre Tango Squad si giocherà tutto nell’ultima partita.

Recupero 2a giornata girone B

Giovedì si è disputato il recupero della seconda giornata del girone B tra Piccionazzi e Tango Squad: i ragazzi di adidas si giocavano una grossa fetta di qualificazione al turno successivo, mentre i Piccionazzi volevano passare con un turno di anticipo. Ne è uscita una partita molto combattuta in entrambe le frazioni di gioco, con il primo tempo più favorevole ai Tango, nonostante lo svantaggio (2 a 1 firmato La Russa e Di Vincenzo, con momentaneo pareggio di Montorfano), mentre il secondo è stato ad appannaggio dei biancocelesti, che hanno subito la doppietta di capitan Bertoni e perso una ghiotta occasione per certificare matematicamente il terzo posto. Per i Tango il 3 a 2 è frutto di un’ottima prova di carattere, che li qualifica virtualmente ai quarti di finale.

Classifica 4° giornata Champions League – Gironi A e B

EUROPA LEAGUE

Risultati 3° giornata Europa League

La penultima giornata della fase a gironi dell’Europa League ha emesso alcuni verdetti, come la qualificazione da prima della classe dei Coca Juniors nel girone A, ma per avere le magnifiche 8 dovremo aspettare l’ultima giornata.

Martedì al Masseroni 2 hanno inaugurato la quarta giornata Clubbers e Negroni, terminata 3 a 0 in favore dei biancorossi di Venanzetti grazie alle reti di Ghezzi, Semenzato e Sissa. Con questi 3 punti i Clubbers mantengono la vetta della classifica (insieme agli Infamous) e festeggiano con un turno di anticipo il passaggio del turno; i Negroni invece, subiscono la prima sconfitta del girone, ma il discorso qualificazione rimane aperto in virtù delle due partite che devono recuperare.

Nell’altra partita, grande agonismo tra Milano United e Burkina Sfaso, che si giocavano molto in chiave qualificazione. Il 5 a 4 in favore della squadra di Cosmai qualifica di fatto i biancorossi ai quarti di finale, mentre per i leoni di Milano complica la strada verso il turno successivo: per passare infatti, i Burkina dovranno battere l’SS Longobarda nell’ultima giornata e sperare in un passo falso dei Pepperoni o dei Real Crisantemi. Il successo dei Milano United porta le firme di Cuppone e Virgilio (doppietta per entrambi) e Vertulli, mentre per gli “africani” vanno a segno Laszlo, Paloschi, capitan Zoboli e Celada.

Nella sfida successiva si sono affrontate FC Bastioni e FC Tommasi: gli arancioni di Locatelli, pur con qualche assenza, hanno superato la resistenza verde fluo di Rombolotti e compagni con un perentorio 7 a 2, grazie ad un super Fiorica, autore di ben 6 gol. I Bastioni ci hanno provato, andando a bersaglio con De Rosa e Bianchi, ma neanche questa volta sono riusciti a racimolare qualche punto.

Alle 22:00 il big match del girone B ha messo di fronte Somari e Infamous; dopo un primo tempo all’insegna dell’equilibrio (doppiette di Natali e Motta per i campioni in carica, a cui hanno risposto la tripletta di Pellegrino e il gol di Nannini), nel secondo i biancorossi di Funck hanno preso il sopravvento, grazie ad altri 4 gol firmati da Pellegrino (pokerissimo personale), Lomacci e Romano; a nulla sono valse le reti di Fullin e Natali (tripletta per lui). Le buone notizie per i Somari, nonostante la sconfitta, arrivano dal rientro in porta del capitano Amendola, vitale per raggiungere la qualificazione ai quarti (ultima partita martedì contro i Bastioni). Gli Infamous invece si ritrovano al primo posto del girone B insieme ai Clubbers, e possono affrontare con serenità l’ultimo impegno, che li vedrà opposti ai Negroni.

Mercoledì si sono disputate due partite al Masseroni 1: nella prima i Coca Juniors hanno dilagato per 10 a 4 contro la Longobarda, con Girotto assoluto protagonista e autore di ben 5 gol. Doppiette anche per Codispoti e Giustini nei biancocelesti e di Paulesu per i blu di Scotti, che hanno accorciato le distanze con Colabella e lo stesso capitano. I ragazzi di Macchia passano il turno come primi classificati del girone A, mentre la Longobarda affronterà i Burkina Sfaso martedì prossimo per non terminare da ultima della classe.

Nell’altra sfida, i Pepperoni riscattano le brutte prestazioni offerte all’inizio di questa Europa League vincendo per 8 a 3 contro i Real Crisantemi, grazie ai gol di Di Capua (doppietta), Di Benedetto, Giovetti, Macchi e Bandi; nei verdi, l’aria di primavera ha avuto un effetto soporifero questa volta, in quanto Ingraffia e compagni non sono quasi mai stati in partita: solo Luca Galletta (anche per lui due gol) e Cho hanno provato a dare la scossa a loro compagni, senza sortire alcun effetto. Entrambe le squadre dovranno fare punti nel’ultima partita per non incorrere in brutte sorprese: infatti se Pepperoni e Crisantemi dovessero perdere contro Burkina Sfaso e Milano United, si andrebbe a vedere la classifica avulsa insieme ai Burkina.

 

Recupero 2a giornata girone B

Giovedì al Masseroni 1 si è giocato il recupero della seconda giornata del girone B tra Bastioni e Negroni. La gara è stata molto combattuta, condizionata anche dalla mancanza di alcuni elementi (il portiere dei biancorossi Tartaglia su tutti), ed ha visto imporsi i ragazzi di Croso per 4 a 3 verso la fine della partita, grazie a due magistrali punizioni di Antonini che hanno ribaltato il risultato, fino a quel momento favorevole ai giovani capitani da Rusconi. Per i verdi, primi punti sfiorati, grazie ad una partita molto attenta e ben giocata, con De Rosa bomber di razza autore di due gol. Per i Negroni invece 3 punti che servono come l’ossigeno per poter coltivare la qualificazione ai quarti, che passerà dalle ultime due partite contro avversari temibili come Infamous e FC Tommasi.

Classifica 4° giornata Europa League – Gironi A e B